Novità sul mobile 5G – Iliad e Fastweb

Novità sul mobile 5G – Iliad e Fastweb

 

Iliad annuncia la prima offerta mobile 5G

 

Dopo l’annuncio di WindTre della disponibilità e dei piani di espansione della copertura della tecnologia 5G sul territorio nazionale avvenuto a metà del mese di Novembre, Iliad non perde tempo e pubblicizza il suo primo piano 5G. Flash 70 è il nome dell’offerta e prevede 70GB di traffico dati anche in tecnologia 5G, minuti e SMS illimitati ad un prezzo di 9,90 euro al mese.

L’offerta come annunciata dal sito dell’operatore sarà disponibile per tutti gli utenti fino al 21 di Gennaio (https://www.iliad.it/offerta-iliad-flash-999.html).

 

Qual è l’attuale copertura 5G di Iliad?  

Secondo i dati resi disponibili l’operatore sembra stia lavorando per incrementare e potenziare nei prossimi mesi la copertura di rete 5G dichiarando che ad oggi è già disponibile in alcune aree delle seguenti città:

Alessandria, Bari, Bologna, Brescia, Cagliari, Como, Ferrara, Firenze, Genova, La Spezia, Latina, Messina, Milano, Modena, Padova, Perugia, Pesaro, Pescara, Piacenza, Prato, Ravenna, Reggio Calabria, Reggio Emilia, Roma, Torino, Verona e Vicenza. (https://www.iliad.it/copertura/)

Come per tutti gli altri operatori (WindTre, Vodafone e TIM) tale tecnologia sarà per il momento resa disponibile in modalità “Non Stand Alone” (NSA), con il Dynamic Spectrum Sharing che permette la coesistenza con la rete 4G. I piani per lo sviluppo 5G in modalità Stand Alone (SA) non sono ancora stati resi disponibili. Guardando come si stanno muovendo gli altri operatori a livello globale le tempistiche di realizzazione sembrano essere ancora lontane.

 

Fastweb lancia il NeXXt Generation 2025

 

Nel mese di Dicembre viene lanciato da Fastweb il piano NeXXt Generation 2025 per fornire servizi di connettività a milioni di famiglie su tutto il territorio nazionale, potenziare la propria infrastruttura di rete fissa e fornire ai propri clienti con offerte di rete mobile il servizio 5G.

A tale scopo viene annunciata la prima rete UltraFWA: un servizio di connettività che consentirà di raggiungere velocità fino a 1Gbps attraverso il Fixed Wireless Access di ultima generazione. Tale tecnologia si basa su un sistema ibrido di collegamenti radio e di collegamenti via cavo: viene portata la fibra ottica fino all’antenna/base station “Fiber to the tower” (FTTT) la quale trasmette il segnale via etere utilizzando la tecnologia 5G per raggiungere gli utenti finali. Tale soluzione risulta essere vantaggiosa per tutte le zone rurali a bassa densità dove il tradizionale servizio cablato risulta essere troppo costoso e complicato da implementare.

 

Per far fronte all’emergenza sanitaria in corso Fastweb dichiara che grazie ad un innovativo upgrade tecnologico della propria rete FTTH, a partire dal mese di Gennaio, la velocità di connessione dei collegamenti FTTH verrà incrementatada 1Gbps a 2,5Gbps. I nuovi benefici verranno resi disponibili in modo graduale a partire dall’inizio del mese di Gennaio in 30 città a tutti coloro che richiederanno l’upgrade della propria connessione senza alcun costo aggiuntivo. Non verranno fatte distinzioni tra nuovi e vecchi clienti.

 

Il piano di Fastweb vede un’ulteriore rivoluzione sul fronte delle offerte di rete mobile: il 27 Dicembre è stato lanciato il servizio mobile 5G che verrà incluso in tutte le offerte sia per i nuovi clienti che per i già clienti senza alcun costo aggiuntivo. Importante sottolineare che per poter navigare in tecnologia 5G è necessario avere un dispositivo abilitato. Gli attuali modelli certificati sulla rete 5G di Fastweb sono:

Oppo Reno 4 Pro 5G, Oppo Reno 4 5G, Oppo Reno 4 Z 5G, Xiaomi Mi 10 T Pro 5G, Xiaomi Mi 10 T 5G, Xiaomi Mi 10 T Lite 5G, Huawei P40 Pro+ 5G, Huawei P40 Pro 5G, Huawei P40 5G, Huawei P40 Lite 5G, ZTE Axon 11 5G

 

La copertura dell’Ultra FWA e la roadmap di Fastweb

 

Gli attuali comuni raggiunti o che verranno coperti a breve dalla rete UltraFWA di Fastweb sono:

Fasano, Grottaglie, Massafra, Anzio, Avellino, Aversa, Fiumicino, Modugno, Nardò, Nocera Inferiore, Ottaviano, Ragusa, Treviglio, Acireale, Adelfia, Apricena, Avezzano, Avola, Belluno, Canicattì, Casamassima, Casavatore, Cascina, Castelvetrano, Codogno, Cologno al Serio, Crema, Crotone, Eboli, Foggia, Francavilla al Mare, Francavilla Fontana, Galatina, Gioia Tauro, Ladispoli, L’Aquila, Lecce, Locorotondo, Lonato del Garda, Magione, Marcianise, Marsala, Melzo, Milazzo, Mola di Bari, Monopoli, Morbegno, Motta, Sant’Anastasia, Noicattaro, Pachino, Partinico, Ranica, Reggio di Calabria, Rende, Riposto, Surbo, Terracina, Triggiano, Uboldo, Velletri, Vibo Valentia

 

Il piano di realizzazione prevede di arrivare a 500 comuni entro la fine del 2021 con l’obiettivo di raggiungerne 2000 entro il 2024 per una copertura complessiva di 8 milioni di case presenti in aree grigie e 4 milioni nelle aree bianche

Commenta l'articolo